Calcio

Serie D| In casa Leon tante le conferme anche tra i giocatori! Il volto nuovo è l’enfant prodige Fontana. Perego saluta, con lui Biraghi?

La promozione in Serie D non sembra aver cambiato il volto e la fisionomia della Leon, prossima alla sua nuova avventura.

Già nei giorni scorsi avevamo parlato di come la formazione Brianzola aveva, almeno nello staff con le conferme di Motta e Artifoni, voluto dare un forte segnale di continuità. Segnale che prosegue anche vedendo il parco giocatori. Bonseri, Achenza, Leotta, Ronchi, Venza, i fratelli Ferrè…

Insomma, giusto per non sciorinare un lungo elenco il senso è che anche per quanto riguarda la rosa la società Orange abbia deciso di continuare il lavoro ed il progetto avviato due stagioni fa. Per il momento infatti l’unico volto nuovo presentato dai Leoni è quello del baby portiere classe 2002 Mattia Fontana, scuola Sondrio ma reduce da una stagione da protagonista tra le fila del Luciano Manara in Eccellenza. Un ingresso questo importante, che però di fatto pone fine all’avventura – sul campo – di un giocatore che definire leggenda forse sarebbe riduttivo: Alessio Perego. Infatti il portierone classe 1989 pare abbia deciso di appendere i guanti al chiodo, pur rimanendo sempre nel mondo Leon. Svolgerà, assieme a Brusamolino, il ruolo di preparatore dei portieri per la Prima e la Under 19. Un addio silente il suo, come ha sempre sognato lui. Un peccato, forse, visto il grande senso di appartenenza e fedeltà alla maglia che il Belluschese ha sempre dimostrato nei confronti della maglia Orange tra Vimercatese e Leon. Non si potranno più ammirare i suoi riflessi felini dunque, e la partita da protagonista giocata in campionato contro il Lumezzane rappresenta la sua ultima apparizione di altissimo livello giocata in casa. Mancherà anche il suo sguardo, penetrante e severo in campo, ma sempre pronto con un gesto o un sorriso a infondere tranquillità a tutta la squadra. Al suo posto, però, ecco che arriva uno dei giovani in rampa di lancio migliori ammirati sul palcoscenico lombardo. Ora il posto Mattia Fontana se lo dovrà giocare e sudare con il confermatissini Lorenzo Martignoni, eroe di Ponte San Pietro, per una bella sfida che metterà in grande difficoltà mister Motta.

In attesa di altre conferme e altri volti nuovi, ieri poi è apparso sui canali social di un giocatore simbolo, come Andrea Ferrè, un post dedicato a Marco Biraghi, il 10 di queste ultime stagioni. Parole toccanti quelle del bomber che dimostrano tutta l’importanza, prima umana e poi da calciatore, che “Kino” ha ricoperto in questa sua esperienza vimercatese . Tra le tante conferme apparse fino ad ora quella di Biraghi è ancora assente. Che il post di Ferrè sia un campanello d’allarme? Non è che dopo Perego un altro assoluto big è ai saluti? Presto per dirlo, di certo la carta d’identità non aiuta l’ex Giana e Ciserano. Di certo i prossimi giorni saranno decisivi per capire se quello di Andrea Ferrè era un messaggio d’addio o solo una dimostrazione di affetto e stima rivolti ad uomo e amico prima di essere un calciatore.

Valerio Amati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *