Calcio

Promozione| Altabrianza a valanga sulla Conco: una vittoria “eccellente?” Tiene botta il Muggiò, mentre molla la presa il Cini

Domenica certamente ricca di gol nel girone di Promozione. A poche giornate dal termine si entra nel vivo e se per l’Eccellenza la corsa sembra essere tornata a due, per evitare la retrocessione l’Arcadia forse ha alzato bandiera bianca, adesso bisogna vedere chi saranno le altre due a salutare.

previous arrow
next arrow
Slider

Partendo dalla vetta gli occhi erano tutti rivolti sul trio Altabrianza, Muggiò e Cinisello. Tutte e tre le formazioni erano impegnate in sfide dall’alto coefficiente di difficoltà e alla fine il “test” lo hanno passato solamente due su tre. Infatti è caduto in casa il Cinisello, sconfitto a domicilio per 2-1 dall’Arcellasco. Un ko che per i rossoblù può essere pesantissimo visto che, considerando il gap dalla vetta e il passo di chi sta davanti, recuperare il margine di svantaggio adesso sembra essere un’impresa titanica. Dunque al momento per i ragazzi di Quattromini le vie per l’Eccellenza sembrano essere due: la Coppa Italia – in cui i rossoblù dovranno affrontare nei quarti il prossimo 30 marzo l’Accademia Inveruno – e i playoff con il sogno campionato, ad oggi, molto lontano. Detto del passo falso dei meneghini, non sbagliano invece l’Altabrianza ed il Muggiò. Vince e convince in larga misura la formazione di Ziliotto che mantiene salda la vetta della classifica ed il margine sul Muggiò grazie al netto e rotondo 6-1 con il quale la formazione biancoblù si è imposta a Concorezzo. Una gara, questa, praticamente mai in discussione per i comaschi che dopo aver chiuso avanti 2-0 il primo tempo nella ripresa hanno alzato i giri del motore infliggendo una punizione forse troppo severa ad una Concorezzese che non è riuscita ad esprimersi come è solita fare. Vittoria, decisamente più stretta e sofferta, è stata invece quella del Muggiò che è passata 2-1 alla “Bombonera” di Arcore. Se per Natobuono in questa gara non sono i bomber Mantellini e Manuel Personé a portare al successo, ci pensano due bomber di eccezione come Jacopo Personé (al secondo centro nelle ultime 3 gare) e l’ex Vis Nova Tremolada. Di Maggi l’unica gioia di Leoni, che ancora una volta deve guardarsi le spalle dalle zone più calde di classifica.

previous arrow
next arrow
Slider

Quello chiuso ieri è stato un turno di campionato che, però, si è aperto nel pomeriggio di sabato e che ha visto in campo il Lissone di Cavalli contro la Cob di Provasi per una sfida dove entrambe le formazioni erano a caccia di punti. Alla fine la grande voglia di ambe due le formazioni ha prodotto un pareggio per 2-2 che, a conti fatti, serve a poco a tutte e due: alla doppietta di Mazzini per i padroni di casa hanno risposto Daniele Genovese e Kevin Picone che hanno fissato il risultato sul pareggio. Torna così a muovere la classifica la Cob ora a 20 punti e con una salvezza tutta ancora da conquistare. Per quanto riguarda i playoff, esce dalla zona “gialla” il Lissone scavalcato in classifica dall’Olimpiagrenta di Perziano, bravo ad imporsi per 2-1 alla “Castellina” di Sondrio. Resta sempre però a stretto contatto con i playoff il Cavenago che, dopo il roboante 7-0 con cui ha superato ieri il fanalino Arcadia Dolzago, mette adesso nel mirino il Lissone in sesta piazza per centrare un obiettivo che ad inizio stagione sembrava impossibile. La salvezza sembra essere cosa acquisita per i giallorossi che adesso possono pensare a divertirsi e con la qualità e le idee che ogni domenica esprimono in campo parlare di playoff non è così utopistico.

previous arrow
next arrow
Slider

Per quanto riguarda la corsa alla salvezza, se il 7-0 di ieri ha dato nuove energie ad un lanciatissimo Cavenago, forse ha segnato la stagione dell’Arcadia Dolzago. Il risultato, davvero pesante in questa categoria, potrebbe rappresentare una sorta di resa per i lecchesi sempre più ultimi a quota 11 punti e con le speranze di playout distanti in questo momento ben 5 punti. Chi invece può ancora sperare e giocarsi le proprie chance nel doppio confronto in post season è il Barzago. La formazione lecchese, orfana di Arrigoni, ieri è incappata in un pesante ko interno contro l’Aurora Olgiate per 1-0. Un ko che però non mina ancora le speranze di salvezza visto la concomitante sconfitta della Vibe Ronchese che è stata superata per 3-1 in casa da una ColicoDerviese quanto mai agguerrita e pronta a giocarsi tutte le sue carte in questo finale di stagione. Al momento però non basterebbe perchè, classifica alla mano il Barzago sarebbe tagliato fuori dai playout a causa della forbice di punti con la Colico lontana 7 lunghezze. L’obiettivo dunque dei gialloblù è quello di cercare di recuperare da qui alla fine almeno un punto alla quint’ultima della classe: la rincorsa partirà già mercoledì nel turno infrasettimanale dove il Barzago sarà di scena in casa contro il Cavenago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *