Calcio

Eccellenza| Offanenghese, che tonfo! Il Sant’Angelo aggancia la vetta: spareggio all’orizzonte?

Quella vissuta ieri è stata tutto tranne che una domenica banale per quanto riguarda l’Eccellenza. Sia in testa che in coda non sono mancate le emozioni che lasciano ancora tutto, o quasi, aperto in vista di questi ultimi 270′ ancora da giocare.

previous arrow
next arrow
Slider

Partendo dalla vetta fa parecchio rumore la caduta dell’Offanenghese. Infatti la squadra di mister Lucchi Tuelli ieri è caduta in casa del Mapello con il secco risultato di 3-0. Una sconfitta pesante sia nel risultato sia per quanto riguarda la corsa alla Serie D, visto che adesso in virtù del successo ottenuto a Codogno il Sant’Angelo ha agganciato i giallorossi in testa alla classifica a quota 71 punti. A tre giornate dalla fine, dunque, tutto resta ancora sul filo del rasoio nel Girone B, con le due capoliste che si battagliano a distanza. Mai come oggi sembra intravedersi all’orizzonte uno spareggio, anche in virtù di un calendario tutto sommato non proibitivo nelle ultime tre gare per entrambe le formazioni. Forse, se si dovesse stilare un coefficiente di difficoltà, chi ad oggi sembra avere l’inerzia dalla sua sono proprio i barasini che, sulle ali dell’entusiasmo per una ricorsa che sembra finalmente dare i giusti frutti, nelle ultime tre gare dovranno affrontare un doppio consecutivo impegno al Chiesa contro Castelleone e Scanzorosciate, prima di chiudere la “regular season” in casa della Cisanese. Ultime tre tutto sommato alla portata anche per l’Offanenghese. Anche lei avrà un doppio consecutivo impegno casalingo, anche se spicca l’incontro del prossimo turno dove i giallorossi dovranno affrontare il Lemine, terza forza del girone, e poi la Trevigliese salvo poi chiudere a Casnigo contro la Vertovese. Insomma tutto è ancora da decifrare e per capire chi tra le due rivali avrà la meglio bisognerà aspettare, almeno, 270′.

previous arrow
next arrow
Slider

Inizia ad entrare nel vivo anche la rincorsa verso i playoff. Se per la quinta posizione oramai l’aritmetica non permette più di sperare nella post season, per quanto riguarda il quarto posto il 3-0 ottenuto ieri dal Mapello contro l’Offanenghese, oltre a rendere più pepato il finale di stagione per la corsa alla Serie D, ha suonato un grande campanello d’allarme. Infatti con il Lemine che nell’ultima settimana ha rallentato (dopo il ko di mercoledì contro il Manara, ieri i gialloverdi hanno pareggiato 2-2 contro il Bano rimontando un iniziale doppio svantaggio), e il concomitante stop dell’Offanenghese il Mapello in virtù dei suoi 58 punti può ancora sperare di rosicchiare qualche punto utile per poter poi giocarsi le sue carte nella post season. Certo è che i ragazzi di Inacio non possono sbagliare il prossimo turno, che li vedrà impegnati in casa di una Speranza alla quale manca solo la matematica per decretare la retrocessione. Un turno dunque importante anche perché Lemine e Offanenghese saranno una di fronte all’altra: quale più ghiotta occasione per il Mapello per tenere viva la fiammella dei playoff?

previous arrow
next arrow
Slider

Ora che si entra nel vivo anche la corsa salvezza sta assumendo una chiara forma. A 270′ dalla fine sembra scontato che le retrocessioni dirette in questo girone saranno 3, con la terzultima che – salvo imprese dell’ultimo minuto – non riuscirà a colmare il margine di punti per giocarsi le proprie chance di salvezza ai playout. Al momento, detto del Mariano fuori aritmenticamente dai giochi, il ko subito ieri a Barzanò ha di fatto messo virtualmente una pietra sopra le possibilità di salvezza della Speranza. Il punto, invece conquistato dal Castelleone contro l’AlbinoGandino lascia ancora accesa la fiammella per i cremaschi, anche se nel prossimo turno dovranno vedersela con il Sant’Angelo per un match che, ad oggi, sembra tutto tranne che alla portata visto l’inerzia che hanno in questo rush finale i barasini. Continua a raccogliere preziosi punti il Sancolombano che sembra certo di potersi giocare quanto meno nel playout le sue possibilità di salvezza. Discorso a parte, invece, per la Vertovese che dopo aver accarezzato a ridosso dell’anno nuovo una salvezza tranquilla è incappata in un loop negativo dal quale non riesce più ad uscire. La formazione orobica è stata infatti risucchiata nel vortice dei bassi fondi di classifica e non sembra riuscire ad invertire il trend. Trend che ha invece invertito la Pontelambrese che, grazie al successo di misura ottenuto ieri contro il Mariano, ha vissuto il primo lunedì tranquillo della stagione visto che allo stato attuale, grazie alla forbice di punti, la formazione di Rione si garantirebbe la permanenza in categoria senza dover passare dalla post season. Tutto, dunque, anche in fondo è fluido e negli ultimi 270′ può ancora cambiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *