Uncategorized

Calciomercato| Paggetta alla Base, Nervi verso la Real Calepina! Il Muggiò pensa in grande: Baldan e Pontiggia nel mirino

Mercoledì ricco di notizie per quel che riguarda i primi movimenti di mercato. Attaccanti, centrocampisti, Direttori dalla Serie D alla Promozione. Insomma, l’estate calcistica sta per partire e i presupposti per vivere un mercato divertente ci sono tutti!

previous arrow
next arrow
Slider

Partiamo dalle notizie più “fresche” e allora si parte dalla dirigenza. Quelli che si sono vissuti e che si stanno vivendo sono giorni caldi per diversi Direttori Sportivi. Iniziamo dunque dalla notizia più succosa, ovvero il clamoroso addio di Giuseppe Nervi dalla direzione sportiva della Cisanese. Il DS bergamasco, con un post pubblicato sui social ieri sera, ha comunicato la sua decisione di lasciare la dirigenza bianconera dopo sette anni di successi in cui – va detto – la Cisanese ha compiuto un gran salto di qualità, specie per quanto riguarda la Prima squadra visto che in questi anni è riuscita a consolidarsi in Eccellenza fino anche a pensare di puntare alla parte più nobile della classifica per giocarsela verso uno storico salto in Serie D. Ma per Nervi sembrerebbe che questa separazione possa aprirgli nuove occasioni. Infatti, stando ai rumors, pare che l’ex Cisanese e Zingonia sia in procinto di approdare in Serie D, sempre nelle vesti di Direttore Sportivo, adesso alla guida della Real Calepina. Parlando di DS chi invece ritorna in Promozione dopo qualche anno di assenza è Glauco Paggetta che è diventato a tutti gli effetti il nuovo Direttore Sportivo della Base 96. Per l’ex Biassono e Real Milano l’arduo compito di “ricostruire” dopo l’amara retrocessione subita per mano del Pavia ai playout. L’obiettivo, dunque, di Paggetta è quello di cercare di costruire una squadra da subito competitiva per lottare per un posto al sole. Se sul fronte panchina non filtra nulla da Seveso, diverso è per il parco giocatori. Tanti sembrrebbero in uscita, ma anche le entrate non mancano. Il ruolo sul quale al momento si sta sondando l’attenzione è quello del bomber. Ecco allora che potrebbe diventare interessante la pista che porta all’ex Zingonia, Ardor e Muggiò Stefano Mantellini. Parlando di Promozione e DS non si può non citare, per chiudere, Luca Dell’Orto che malgrado l’amara retrocessione con il Barzago sembrerebbe essere entrato in orbita Arcadia per ricoprire il ruolo di Direttore Sportivo nella “nuova” società che nascerà dalla fusione, appunto, dell’Arcadia Dolzago con l’Olimpiagrenta.

previous arrow
next arrow
Slider

Sul fronte giocatori, invece, squadra decisamente attiva sul fronte mercato in entrata è il Muggiò del Presidente Pace. Seppur non sia ancora stata presentata la squadra, le ambizioni della società Brianzola sono chiare e loro non hanno alcuna intenzione di fare l’Eccellenza recitando un ruolo da comparsa. L’obiettivo di Pace e Natobuono è quello di cercare di allestire una squadra che, nonostante lo status di matricola, possa da subito essere protagonista. Ecco allora che i nomi accostati alla formazione muggiorese sono certamente di livello. Per l’attacco, come detto, per il ruolo di punta si pensa al ritorno di Brighenti mentre per la slot da impiegare sull’estero il sogno si chiama Pontiggia reduce da diverse annate importati con la maglia della Casatese tra Eccellenza e Serie D. Per la mediana, poi, il nome forte è quello di Baldan, architetto del NibionnOggiono degli “Invicibili” e che è reduce da una stagione da pochi acuti tra le fila di Castellanzese, prima, e Ardor Lazzate poi. Ma l’ex Casatese non è l’unico nome che piace in mezzo visto che, oltre a Cesana, la formazione muggiorese guarda in casa Base anche per quanto riguarda il centrocampo visto che sembra interessare l’ex Tritium Marinoni. Gli obiettivi di mercato, però, provenienti dalla Base non sembrano essere un'”esclusiva” del Muggiò visto che anche l’Ardor Lazzate del DS Sergio Sala pare aver nel mirino Cesana, per l’attacco e Marinoni per il centrocampo.

previous arrow
next arrow
Slider

Notizie, infine, decisamente succose arrivano anche dalla Promozione dove nel Girone B i rumors già circolano da diversi giorni. Partiamo dal Lissone. Nonostante la bell’annata fatta da Cavalli, pare che le strade tra l’ex Colico e la formazione Brianzola possano dividersi. Per la sua successione il nome più caldo e che potrebbe già essere in dirittura d’arrivo è quello di Simone Fossati, ex Vis Nova lo scorso anno a metà tra Arcellasco e Ardor Lazzate. A seguire l’ex capitano delle lucertole in questa nuova esperienza potrebbe esserci anche l’ex compagni ai tempi di Giussano Molteni, centrocampista classe 1997 che in Promozione è un vero e proprio lusso. Mercato che inizia a prendere forma anche in casa Cinisello dove tra arrivi e conferme si vede tutta l’ambizione della squadra dei DS Trizio e Zora. Inziando dalle conferme va sottolineato come il centrocampista Alessio Innocenti ha detto ancora sì ai colori rossoblù. L’ex prodotto del vivaio del Milan, dunque, ha deciso di continuare il suo percorso a Cinisello sposando il progetto iniziato la scorsa stagione dalla società rifiutando diverse offerte dall’Eccellenza, e non solo. Detto di questa pesante conferma, in casa Cinisello sembra essere in dirittura d’arrivo la chiusura della trattativa con il portiere classe 1993 Luca Brambilla per anni solida colonna della Speranza Agrate e, di certo, un vero e proprio top player per la Promozione. Parlando di Agrate non si può non citare la formazione del neo mister Altarelli che, dopo aver ufficializzato quattro pesanti conferme, pare poter iniziare a breve anche il mercato in entrata. Infatti dovrebbero ritornare in rossoverde l’attaccante Brusati, classe 2002 reduce da una grande annata in Promozione con la maglia di Caveango, e il portiere Tabarelli che rientra dal prestito al Carugate. Sul fronte, invece, volti nuovi è caldo il nome di Alessandro Odone, centrocampista classe 1998 che potrebbe essere il primo colpo dell’era Altarelli. Chi invece in questo momento è un vero e proprio gioiello sulla bocca di molti è il centrocampista classe 1995 Manuel Manno, lo scorso anno a Cavenago. Il play giallorosso è stato nella passata stagione un vero e proprio faro nel centrocampo della sorprendete squadra di Tinelli. Prestazioni convincenti e tecnica di livello hanno reso Manno un giocatore molto chiacchierato in questo frangente di mercato. Al momento le piste per il classe ’95 sembrerebbero quattro. La prima porta alla permanenza in giallorosso per cercare di guidare come leader tecnico la squadra nel complicato passaggio di consegne che la squadra dovrà affrontare con l’arrivo di Furgeri dopo i gloriosi anni di Tinelli: un’ipotesi questa da non scartare assolutamente. Poi un’altra strada potrebbe portare proprio a Tinelli e al suo BM Sporting, anche se visto il mancato passaggio avvenuto qualche stagione fa proprio da Manno rendono il sentiero molto complesso. Infine, per il momento, ci sono le piste che portano a Concorezzo e Arcore visto che il centrocampista piace, e non poco, ai DS Bernareggi e Pilat. Parlando di Arcore, infine, occhio anche alla pista Caruso: il giocatore piace ai biancoverdi, ma il nuovo sviluppo che sembra essere stato preso dal Lissone potrebbe cambiare un po’ le carte in tavola.

Valerio Amati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *